Svizzera, bere un tè a Zurigo

Dove bere un tè a Zurigo? Scopriamo con i consigli di Valeria Crescenzi

Siete mai stati a Zurigo? Se questa città nel nord della Svizzera è la meta delle vostre vacanze o del vostro prossimo trasloco, allora non potete perdervi i consigli di un’esperta. Sto parlando di Valeria Crescenzi e del suo blog Zurich Wonderland.



Io e Valeria ci siamo conosciute tanti anni fa attraverso il portale di viaggi Nuok e ci siamo ritrovate più tardi grazie ai social. Ci siamo scambiate messaggi, abbiamo parlato dei nostri progetti e poi un giorno ho pensato di intervistarla per voi per farmi raccontare quali posti sono consigliati per gli amanti del tè a Zurigo. Siete curiosi di saperli e di prendere appunti prima del vostro viaggio? Ecco a voi l’intervista a Valeria…

Un tè a Zurigo

Valeria, quali sono i tuoi posti preferiti dove bere tè a Zurigo?

Zurigo non è famosissima per le sue sale da tè ma nella città vecchia, a Niederdorf, c’è uno dei miei luoghi del cuore per l’appuntamento delle cinque: la conditorei/café Schober. È un’istituzione a Zurigo, un locale nato nel 1874 e che è anche un’ottima pasticceria. È l’indirizzo ideale soprattutto per le rigide giornate invernali e offre una selezione di circa 30 tè diversi. Purtroppo ho saputo che chiuderà a fine marzo 2019… è un vero peccato, muore un attore importante della tradizione gastronomica zurighese. Consiglio a chi passerà in città nei prossimi mesi di andare assolutamente a fare una merenda da Schober prima che chiuda.

Valeria Crescenzi ci consiglia dove bere tè a Zurigo

Quali posti consiglieresti di visitare per chi ama il tè?

Tra gli indirizzi culturali inserisco sicuramente il Museum Rietberg, dedicato alle arti dai 4 continenti di cui ho parlato recentemente in un mio articolo sui musei più belli di Zurigo. Il museo ha un padiglione in cui si può partecipare a una vera cerimonia del tè guidata dalla maestra Soyu Yumi Mukai. Un’esperienza indimenticabile.
Per gli acquisti, i corsi e i seminari a tema consiglio invece Shui Tang – Liquid Delicacies. Un negozio inaspettato a Zurigo, molto fornito sia in termini di varietà di tè che di accessori, e un luogo dove si respira un’atmosfera di grande rispetto per questa primizia.
Un ulteriore indirizzo per lo shopping è La Cucina – Tee&Gewürze che si trova in Europaallee, la parte nuova della stazione centrale. Qui vengono venduti solo tè, spezie e tante teiere e set da degustazione.

Tendenze del tè

Anche a Zurigo c’è la tendenza a proporre ricette a base di tè, come i biscotti al matcha?

Le ricette a base di tè non sono super diffuse ma il trend matcha ha conquistato anche Zurigo e alcuni locali offrono specialità fatte con questa varietà di té. Viene usato per aromatizzare il latte, per creare biscotti e praline ma anche speciali tavolette di cioccolato bianco, joghurt e matcha come nel caso del bistrot-atelier di torte Miyuko.

Dalla tua esperienza, qual è il rapporto tra gli svizzeri e il tè?

A essere onesta non ho finora rilevato una particolare connessione tra gli svizzeri e il tè. È una bevanda che piace ma sembra che abbiano una preferenza per il cappuccino che qui, grazie al latte svizzero, è davvero gustoso. Nonostante questa premessa, ci sono indirizzi interessanti per chi ama il tè e gli appuntamenti a tema, come dicevamo sopra.

Per approfondire…

Come è nato il tuo progetto Zurich Wonderland?

Zurich Wonderland è nato nei primi mesi del 2017 dal desiderio di raccontare una città molto spesso poco conosciuta se non per i classici luoghi comuni. La cioccolata, le banche, la precisione dei mezzi di trasporto sono ovviamente delle realtà incontrovertibili, ma l’anima più autentica della città non è molto legata a questi elementi. Zurich Wonderland racconta la parte charmand di Zurigo, i suoi infiniti angoli deliziosi e che a volte sembrano usciti da un libro delle favole. È una city guide dei suoi luoghi più belli e inaspettati, e ora parla sia italiano sia tedesco.

Oltre a dare consigli ai turisti o a chi si vuole trasferire in città, ti proponi pure come guida, giusto?

Esatto, i tour per privati sono una parte della mia proposta di servizi assieme ad altri di carattere editoriale e di storytelling dedicati invece alle aziende. In questo anno e mezzo di vita di Zurich Wonderland ho iniziato a ricevere sempre più richieste da lettori che amano la mia selezione di indirizzi e che desiderano avere itinerari personalizzati. È un modo per conoscere il lato non turistico della città, con l’ulteriore vantaggio che ogni itinerario è tagliato su misura sugli interessi dei viaggiatori e sul tempo a loro disposizione. Trovo che sia un format molto interessante in questa epoca di massificazione del turismo: con Zurich Wonderland invito sempre a non limitarsi ai soliti luoghi noti o di moda in un determinato momento.

Ti è mai capitato qualcuno che chiedesse un itinerario o consigli su dove bere una buona tazza di tè?

Con un focus specifico sul tè ancora no, ma gli indirizzi del cuore che ho condiviso con voi lettori di Five O’ clock andrebbero sicuramente a comporre parte di quel carnet.

Grazie a Carlotta per questa bellissima intervista a tema tè. Vi aspetto a Zurich Wonderland www.zurichwonderland.ch



 

Foto: ©Valeria Crescenzi

Commenti

  • Nadia Scrocca

    Complimenti, una bella intervista e una piacevole lettura, sono stata al café Schober e mi dispiace che abbia deciso di chiudere. Sicuramente prima del 2019 ci farò un’altra visita.
    Zurich Wonderland è un modo diverso di conoscere la città.
    Buon lavoro Nadia

  • Grazie Nadia! Speriamo che ci sia ancora una speranza per il café Schober… io e Valeria vi terremo aggiornati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *